SAPPIAMO DAVVERO COMUNICARE? - Agenzia Studio Logos
16359
post-template-default,single,single-post,postid-16359,single-format-standard,bridge-core-2.9.9,tribe-no-js,qodef-qi--no-touch,qi-addons-for-elementor-1.5.4,qode-page-transition-enabled,ajax_fade,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-29.1,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.7.0,vc_responsive,elementor-default,elementor-kit-1061
 

SAPPIAMO DAVVERO COMUNICARE?

SAPPIAMO DAVVERO COMUNICARE?

Sappiamo davvero comunicare?

Per comunicazione (dal latino cum = con, e munire = legare, costruire e dal latino communico = mettere in comune, far partecipe) si intende il processo e le modalità di trasmissione di un’informazione da un individuo a un altro (o da un luogo a un altro), attraverso lo scambio di un messaggio elaborato secondo le regole di un determinato codice comune. 

Integrando la definizione, rubata pari pari da Wikipedia, possiamo aggiungere che sono 5 gli stili comunicativi


Lo STILE PASSIVO:
è lo stile di chi non prende iniziative ed è sempre accondiscendente con quello che vogliono gli altri. Non esprime pensieri, emozioni e non riconosce i tuoi desideri e bisogni.

Lo STILE AGGRESSIVO: 
è lo stile esigente e ostile, spesso scortese, di chi per affermare se stesso viola i diritti altrui. 

Lo STILE PASSIVO-AGGRESSIVO:
per evitare conflitti non esprime le proprie opinioni e accondiscende a quelle degli altri. Ma, provando rabbia nel proprio animo, non soddisfa le richieste e le aspettative provocando rabbia, frustrazione e risentimento da parte di chi si aspetta determinate azioni.

Lo STILE MANIPOLATIVO: 
è lo stile di chi cerca dagli altri quello che vuole facendoli sentire in colpa. Le “vittime” dei manipolatori tendono ad assumersi la responsabilità nei confronti dei suoi bisogni.

Lo STILE ASSERTIVO: 
è diretto, sincero e adeguato. Esprime chiaramente i suoi pensieri, emozioni, bisogni o desideri. È capace di assumersi le proprie responsabilità e mostra rispetto per gli altri. 

Quotidianamente, se ci riflettiamo un attimo, abbiamo a che fare con tutti questi stili. Sia nel quotidiano che, sempre più prepotentemente nei Canali Social. E qui, purtroppo, abbiamo a che fare sempre meno con uno stile assertivo rispetto a tutti i primi 4 stili decisamente meno propositivi e positivi.

Quando decidiamo, quindi, di proporci – o di proporre il nostro brand – cerchiamo di avere sempre uno STILE ASSERTIVO. Anche di fronte a comunicazioni aggressive o manipolative.

Ecco, a mente fredda, sembra facile essere assertivi anche verso chi ci offende per il solo gusto di metterci in crisi. E, nonostante l’istinto sia quello di rispondere per le rime, fate come me… Contate fino a millemila, andate a dare pugni al sacco da box che comprerete per l’occasione, e poi rispondete come se foste un monaco buddista!

Essere chiari e onesti paga sempre, magari con un po’ più di tempo e impegno… ma noi siamo formiche non cicale!

Raffaella Chierici
Raffaella Chierici
raffaella@studiologos.eu