Nulla come la pubblicità è lo specchio dei tempi moderni
796
post-template-default,single,single-post,postid-796,single-format-standard,bridge-core-2.9.9,tribe-no-js,qodef-qi--no-touch,qi-addons-for-elementor-1.5.4,qode-page-transition-enabled,ajax_fade,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-29.0,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.7.0,vc_responsive,elementor-default,elementor-kit-1061
 

Nulla, come la pubblicità, è lo specchio dei tempi moderni.

Nulla, come la pubblicità, è lo specchio dei tempi moderni.

Nulla, come la pubblicità, è lo specchio dei tempi moderni.

Se cambia, è perché sono cambiati i gusti, gli orientamenti, le “necessità”.
Alcune pubblicità sono rimaste nell’immaginario collettivo, diventando vere e proprie opere d’arte, creando nuovi modi di dire di uso comune.

Le mie preferite – pensando solo alle pubblicitarie italiane – sono queste:
“Che mondo sarebbe senza Nutella” – e qui casca l’asino… le mie velleità salutiste e dietetiche spazzate via, ogni volta, in un cucchiaino
“No Martini, no party” – …il rimando a George Cloney non mi ha nemmeno sfiorato la mente
“Silenzio. Parla Agnesi” – un vero e proprio condensato di genialità e “sapore di casa”
“Du gust is megl che uan” – come non citare l’esordio di Stefano Accorsi, uno dei nostri migliori attori
“Just do it” – lo so, non è italiana, ma non è possibile non citare tale perfezione in tre piccole parole! E poi cominciavo a vergognarmi nell’aver scelto solo slogan di cibo…

E le vostre?

Raffaella Chierici
Raffaella Chierici
raffaella@studiologos.eu