L'algoritmo - ne parliamo sul blog di Agenzia Studio Logos
16684
post-template-default,single,single-post,postid-16684,single-format-standard,bridge-core-2.9.9,tribe-no-js,qodef-qi--no-touch,qi-addons-for-elementor-1.5.4,qode-page-transition-enabled,ajax_fade,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-29.1,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.7.0,vc_responsive,elementor-default,elementor-kit-1061
 

l’algoritmo

l’algoritmo

L’algoritmo: croce e delizia di ogni social media manager. 
L’arcano signore che può decidere le sorti della tua pagina social… 
Ma è poi così arcano? No, bisogna però applicarsi, studiare e aggiornarsi costantemente.

Tecnicamente gli algoritmi sono una serie di istruzioni da seguire – il problema è scoprire quali sono! – per ottenere un determinato risultato. Mi spiego meglio: oggi, l’obiettivo principale degli algoritmi è quello di filtrare notizie e mostrare solo la parte di maggiore interesse per gli utenti di un determinato social. Sono gli algoritmi che “decidono” chi visualizzerà i tuoi contenuti online. Maggiore sarà il numero dei tuoi post che “piaceranno” agli algoritmi e che porteranno più interazione con gli utenti e maggiore sarà la visibilità dei tuoi post e video correlati.

Quindi è sufficiente pubblicare post dai contenuti interessanti e attuali per gli utenti?
Questa è sicuramente la prima regola! Ma dobbiamo aggiungere altre variabili.
Tra i più importanti la portata organica di un nostro post. 
Più i tuoi contenuti saranno condivisi, avranno commenti e più la portata organica dei tuoi post sarà alta. Attenzione però! Gli algoritmi fanno sì che la portata organica dei post su un social raggiunga al massimo tra il 5 e il 10% dei tuoi followers. 
Cosa significa? Che solo una piccola parte dei fan vedrà i tuoi post.
I social sono aziende, non dimentichiamolo mai, e l’obiettivo è guadagnare attraverso gli inserzionisti. 

Quindi, come raggiungere il tuo pubblico con operazioni che “gratifichino” anche gli algoritmi?
Puoi farlo attraverso gli “influencer”. Ma devi trovare “figure autorevoli” del tuo settore e che vengano “ascoltati” dagli utenti. 
Oppure, ed è la scelta migliore, fare pubblicità sui social. Il social advertising permette di investire budget (anche decisamente minimo) per diffondere un messaggio con una certa portata e frequenza. E permette, con precisione chirurgica, come, quando, dove e a chi verrà trasmesso il post. Ricordati, infine, che la quantità di dati e analytics disponibili con il social advertising ti consentirà di valutare le performance delle tue campagne pubblicitarie e, soprattutto, di incrementare le vendite attraverso attività di remarketing e dynamic advertising.

Concludendo, eccoti 6 punti perché gli algoritmi ti vogliano bene!

  1. È fondamentale avere una buona copertura dei tuoi post se hai un’azienda e vuoi pubblicizzare il tuo brand. 
  2. Non gettare la spugna se hai un calo di follower, non avere paura, è normale. 
  3. Continua a migliorare i contenuti dei tuoi post.
  4. Crea una community di persone realmente interessate a ciò che fai.
  5. Interagisci costantemente con i tuoi utenti.
  6. Investi nel social advertising; ricordati che non è necessario spendere cifre astronomiche

Adesso che sai come destreggiarti al meglio sui Social magari ti sei accorto che non hai il tempo da dedicare a questo mondo. Nessun problema! Ci siamo noi, con i nostri Social Media Manager e tutti i nostri servizi, per aiutarti!

Raffaella Chierici
Raffaella Chierici
raffaella@studiologos.eu