"La boriosa presunzione di saper tutto", sul blog di Studio Logos
15965
post-template-default,single,single-post,postid-15965,single-format-standard,bridge-core-2.9.9,tribe-no-js,qodef-qi--no-touch,qi-addons-for-elementor-1.5.4,qode-page-transition-enabled,ajax_fade,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-29.0,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.7.0,vc_responsive,elementor-default,elementor-kit-1061
 

LA BORIOSA PRESUNZIONE DI SAPER TUTTO

Blog Studio Logos

LA BORIOSA PRESUNZIONE DI SAPER TUTTO

Oggi non sono in modalità buona… “Non sono cattiva è che mi disegnano così”
C’è una categoria che odio: quella dei “so tutto io”.
Perché “io sono appassionato di Social” non significa “io ho fatto corsi di Social Media Marketing”.
E nemmeno “io so ritoccarmi le foto con i filtri delle App” non vuol dire “io sono un grafico titolato”.
Dai! Un po’ di sana umiltà non ha mai ucciso nessuno!
Amo le borse firmate, ma mica vado da Chanel a spiegare come si fanno! Le compro, piango per quanto ho speso, e le indosso con orgoglio!

Ma come affrontare queste persone?

Affrontare un “so tutto io” è spesso sconfortante e l’ideale sarebbe ignorare i suoi “utili” consigli e ringraziarlo per il prezioso suggerimento.
Anche una testata non sarebbe male, ma potrebbe essere controproducente. Soprattutto a livello penale.
L’unica soluzione è la pazienza e cercare di far comprendere che, in molti casi, non sapere tutto è un bene.

Voi? Come li gestite i “so tutto io”?

 

OMMMMMMMM… io, intanto, cerco di essere Zen…

Raffaella Chierici
Raffaella Chierici
raffaella@studiologos.eu